Syderitis

Il Syderitis è il the senza teina, la sua storia è legata ai guerrieri dell’antica Grecia, che si dice utilizzassero la pianta officinale sia per guarire più velocemente dalle ferite delle lance di ferro che per avere maggiore energia in battaglia.

Syderitis Syriaca: il the dei guerrieri!

Piccoli fiorellini e foglioline dal profumo inebriante crescono in alta montagna e sono da secoli utilizzati per infusi energizanti privi di teina: è il te dei guerrieri! Il the di montagna deve il suo nome al greco “sideros” ossia “ferro”, è una Laminacea di origine greca, sviluppatasi anche in Italia e nel Medio Oriente.

L’etimologia allusiva al “ferro” ha la doppia accezione legata ai guerrieri dell’antica Grecia, difatti si dice utilizzassero la pianta officinale sia per guarire più velocemente dalle ferite delle lance di ferro che per avere maggiore energia in battaglia.

La Syderitis Syriaca si sviluppa spontaneamente oltre i 1000mt di altitudine, per questo motivo è apprezzato da chi lavora in montagna, per cui alle volte è chiamato “the dei pastori” o “the di montagna”.

In Albania, per esempio, la si può trovare in tutti i mercati o sulle bancarelle per strada, venduta dopo essere stata fatto essiccare.

Syderitis proprietà:

La tradizione greca decanta le proprietà del Syderitis, utile come: lenitivo, decongestionante, antinfiammatorio, energizzante, digestivo, fluidificante delle vie aeree. E’ quindi utilizzato nei casi di mal di gola e raffreddore e per riequilibrare l’apparato digerente. La pianta è priva di teina, quindi degli effetti eccitanti, ma mantiene le qualità ricostituenti: è assumibile in ogni momento della giornata!

Ne parla La Repubblica: “Dal piacere di un infuso nasce uno scudo potente per un autunno in forma” di Monica Piani

“…La Montagna Greca, conosciuta anche come il “tè dei pastori”, e proprio perché non ha mai guadagnato i fasti del più sofisticato tè consumato nei salotti inglesi, forse è meno conosciuta, ma ciò non toglie che i suoi principi attivi meritino davvero di essere approfonditi. Se andiamo a farne ricerca sull’erbolario si presenta con il nome botanico di  Sideritis Syriaca, e questo già la dice lunga. Infatti Sembra che lo studioso e medico Dioscoride, in servizio per l’esercito romano ai tempi di Claudio e Nerone, consigliasse la tisana di “tè di montagna” ai soldati come un rigenerante, per aiutarli a guarire più velocemente e meglio.” continua…

Syderitis. Consigli per l’utilizzo: infusione.

L’infusione è un processo di assunzione eseguibile in casa e ripetibile più volte al giorno. Abbiamo visto insieme come e quali piante utilizzare in “Come utilizzare i fiori secchi? Infusione!” L’infuso di Syderitis è molto delicato e dolce, assimilabile alla melissa e all’alteha, ricorda un bouquet di fiori con una nota di matè.

Il Syderitis è il the senza teina

L’infusione del Syderitis è l’uso più semplice e replicabile in ambiente domestico. La frequenza di assunzione è a discrezione personale poiché non ha alcun tipo di controindicazione.

Preparazione:

  • Portate l’acqua a temperatura di ebollizione (100° C)
  • Spegnere il fuoco
  • Versate 1 cucchiaino di Syderitis ogni 200 ml
  • Lasciate per 10 minuti in infusione
  • Dolcificare a piacere, anche se essendo privo di note amare non è consigliato, utilizzando del miele.

Attività antiossidante dei flavonoidi da Sideritis raeseri – Giornale di etnofarmacologia

Il fitomplesso del Syderitis è ricco di flavonoidi, terpenoidi, iridoidi e carvacrolo che ne denotano la natura anti-ossidante, antibiotica, e analgesica. Svolge azione batteriostatica, disinfettante, diuretica, stimolante, antianemica, disintossicante. Si può trovare nel nord Italia nelle erboristerie molto specializzate, e certamente in tutti i Paesi sopra citati.

Please follow and like us:
error
fb-share-icon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto